Un bacio sotto il vischio. Perché?

Mistletoe_Kiss

Prima o poi a Natale ci si trova in questo momento imbarazzante. Cosa fare?

Ma soprattutto, perché?

La tradizione natalizia del bacio sotto il vischio ha origini molto antiche, la storia infatti, chiama in causa i Druidi celtici. Questo piccolo arbusto era considerato sacro, un dono divino – tesi confermata anche dalle ricerche di Plinio il Vecchio. Era un rimedio contro l’infertilità e una valida cura contro i veleni. Ciò che lo rendeva magico, la sua natura ariosa. La pianta è infatti un emiparassita che non ha radici ma che nasce e prospera su un’altra pianta.

L’origine della particolare attenzione verso il vischio coinvolge una leggenda nordica che ha come protagonista una delle mogli del Dio Odino: Freyja. La dea, protettrice dell’amore, ebbe due figli: Baldur e Loki. Il primo, di animo gentile, era amato da tutti, mentre Loki, geloso e vendicativo, non aspettava altro che liberarsi del fratello – futuro erede al trono. La madre, intuite le intenzioni di Loki, cercò in tutti i modi di salvare Baldur: si rivolse agli animali, alle piante e ai quattro elementi e ne richiese protezione. Tutti giurarono di non attaccare Baldur, ma Freyja si dimenticò del fragile cespuglio di vischio. Scoperta la falla, Loki creò un dardo dalla pianta e con l’inganno colpì e uccise il fratello. Secondo la leggenda, la dea pianse sul corpo di Baldur, e mentre le sue lacrime diventavano come gemme (le bacche) suo figlio riprendeva vita. Da quel momento l’arbusto diventò il simbolo di Freyja e della resurrezione, portatore di fortuna e prosperità. Chiunque si scambiava un bacio sotto il vischio, riceveva protezione dalla dea.

Ma come si collega questa magia celtica al periodo natalizio? La risposta più convincente è quella esposta da Washington Irving nel suo libro The Sketch Book of Geoffrey Crayon  (Il libro degli schizzi) pubblicato nel 1820. Si tratta di una raccolta di saggi e racconti brevi che dipingono, come per un piccolo quadro, situazioni e suggestioni dell’Inghilterra e dell’America di inizio Ottocento. In uno di questi: “Christmas Eve”, Irving descrive la tradizione giovanile di darsi un bacio sotto al vischio, appositamente appeso sopra lo stipite di una porta della cucina.

“The mistletoe is still hung up in farm-houses and kitchens at Christmas, and the young men have the privilege of kissing the girls under it, plucking each time a berry from the bush. When the berries are all plucked the privilege ceases.”

Le ragazze colte sotto l’arbusto, non potevano sottrarsi al bacio. A bacio negato, solo tanta sfortuna in amore. La grande diffusione del libro di Irving portò la tradizione in America. Da quel momento, l’ascesa del vischio moderno.

Una storia incantata che ha vissuto per millenni ma che nella versione pop degli anni 2000 è romanticamente cantata da Justin Bieber.

 

 

Il vischio ha superato anche questa.

Nel dubbio, è meglio non fare come la dea Freyja – che sottovalutando il piccolo arbusto-  ha sofferto la morte del figlio, ma darsi un bacio: porterà solo cose belle.

Seguendo il clima natalizio nella città, l’unconventional love milanese ha fatto una proposta tutta nuova: ovviamente scherzano.

 

Vietato baciarsi

(@drymilano)

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...