Un addio, con un bacio

Bernardo Bertolucci è morto. Aveva 77 anni, una vita carica di successi cinematografici, amicizie e pure una censura. Allievo di Pasolini e ritenuto un maestro della settima arte, amava viaggiare e Via col Vento. 

Una manciata di parole non basta a descrivere l’impronta lasciata dal regista parmense, ma le parole di chi lo ha conosciuto possono aiutare nell’impresa.

«Quando si perdono delle personalità e degli artisti come Pier Paolo Pasolini, Ermanno Olmi, Bernardo Bertolucci, – che lo si voglia o non lo si voglia – diventiamo tutti più poveri» ha detto Stefania Sandrelli, attrice e amica del regista, prima di entrare alla camera ardente a lui dedicata in Campidoglio. Poi ha lasciato una lettera in cui lo ha ringraziato per essere stato così speciale:

«spero di incontrarti ancora e di fare un altro film insieme. Un lungo bacio».

Un segno della croce e un bacio, un addio.

Il bacio dato con la mano – o con il soffio – è un gesto tipicamente femminile. Sensuale, civettuolo e ironico rimanda alle attrici del cinema bianco e nero. Come una freccia scoccata da Apollo o come in questo caso, un delicato saluto ad una persona che ormai è già troppo lontana.

Sandrelli a Bertolucci

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...